mercoledì 2 gennaio 2013

vecchio con cane





A tempo scaduto

Così mi pento
mi pento di molte
cose
di non saper amare ormai
e di non avere mai amato mai
così ho cancellato anche il ricordo
ed è calato l’oblio sui rigurgiti
antichi ed i tentativi falliti
e le annaspanti ricerche
e le attese
e poi solo costruzioni mendaci
-a me stessa tessevo ingenui inganni-
mi pento di molte cose
d’essermi svenduta per codardia
disperso i miei talenti
rinunciato
alla mia lotta per la libertà
dietro gli obblighi nascosta mi sono
e femminili debolezze debole
piccola
donna che perduto ha
l’orgoglio vestendo i panni di volta
in volta di madre e d’ape operaia
regina no
non ambivo allo scettro
o ad un trono dorato ma l’ordine
della mia coscienza incerta attendevo
chinando il capo
mi pento di molte
cose dell’aver creduto coraggio
la rinuncia
di me e scambiato per scelta
la resa
ma dal mio pentimento non avrò
perdono nè tempo sulla bilancia
dei tanti patimenti e delle poche
gioie ci sarà
per scontarne il peso

7 commenti:

  1. Tutto bello..il testo ed il disegno, mi è piaciuto moltissimo ! Abbraccio.

    RispondiElimina


  2. grazie Jane, tanti auguri di felicità per questo nuovo anno

    RispondiElimina
  3. Cara Giuseppina,il disegno come il testo che presenti,sono veramente belli!Complimenti!
    (PS:Spero che aldilà di ciò che scrivi tu stia vivendo giorni sereni... ancora auguri ed abbraccio affettuoso! Rita).

    RispondiElimina
    Risposte

    1. certo sai bene tu come bravissima artista, che l'arte esprimendo il sentimento, il dolore, l'angoscia,come la gioia o la passione, lo elabora, ricreando l'equilibrio e l'armonia: rivivendolo e descrivendolo ci se ne distacca recuperando la serenità e la saggezza per comprendere e accettare noi stessi e la realtà. Quei sentimenti li ho provati e li provo, ma ovviamente sono anche serena con la mia vita tranquilla in famiglia, il mio lavoro, il mio tran tran.... si rinuncia sempre a qualcosa quando si fanno delle scelte, un po' ci si pente, ma quando la scelta è stata fatta a favore dei figli non ci si può mai pentire del tutto, e ci sono sempre loro come vivente dimostrazione che la nostra vita non è stata un fallimento totale!
      mille auguri anche a te ed alla tua bella famiglia
      Giuseppina

      Elimina
  4. Mi piace tanto il tuo blog,le tue poesie ,ho letto ora solo questa ,le altre le leggerò domani .Mi é piaciuta molto Tu sei una donna proponda spirituale e trovo che tu sia un pò severa con te stessa,Tutto ciò che tu abbia fatto ,è stato fatto con amore ,E quindi non ti .devi sentire in colpa di niente La vita é fatta anche di belle piccole cose ,godile e sii serena !Scusa se ti scrivo questo ,ma ho sentito il bisogno di parlare con te ,anche se non ti conosco.Un abbraccio Bianca
    biancabotes.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Bianca, ho visto il tuo blog:opere bellissime. Come artista quale sei hai anche molta gentilezza e sensibilità. Ti ringrazio per le tue belle parole. La mia vita è stata ed è una vita molto regolare, semplice, tranquilla. Ho tre figlie splendide a cui ho dedicato tutta le mie energie di madre. Sono insegnante e svolgo il mio lavoro con grande passione. Però il mio carattere piuttosto solitario e chiuso e un matrimonio fallito, di cui pago le amare conseguenze, mi portano a sentirmi ora, alla mia età, insoddisfatta, vuota, sola. Ho ripreso l'hobby di scrivere e dipingere per occupare il mio tempo, per sentirmi viva. Un po' mi sento in colpa, in colpa nei confronti di me stessa. Credendo di fare sempre il mio dovere ho messo il mio io sempre un po' da parte e mi pare che nessuno ora mi apprezzi per quello che sono, in quanto non sono "niente" per gli altri. Ti abbraccio anch'io per il tuo calore.
      Giuseppina

      Elimina
  5. Mi é sfuggito un errore -profonda- scusa ,,iao Bianca

    RispondiElimina